Edizione 2011

Foto

“E’ terra compagni, è terra …”. Sono le parole che “aprono” la meravigliosa “Lusitania” di Ivano Fossati. E’ un inno, un grido di vittoria dei grandi viaggiatori quando vedono terra.

Ebbene si! Le “Vecchie Glorie” tornano a vincere sulle “Vecchie Seghe” con un secco 6 a 4, nell’ottava edizione della “partita del cuore o dei polmoni”. Quest’anno nessun pareggio, niente rigori … il campo ha decretato la squadra vincitrice al 90°, senza dubbi, né incertezze. Partiamo dall’inizio. L’evento si è svolto presso gli impianti sportivi di Scoppito. Come la precedente edizione, la partita dei bambini (future glorie) ha preceduto la partita classica. Ben 35 bambini (sono state disputate 3 partite rispettando le fasce d’età) si sono rincorsi, a suon di goal, sul campo di calcetto. Uno spettacolo simpatico e divertente. E pensare che l’arbitro è stato quasi inoperoso poiché le future glorie si sono praticamente auto-amministrate: senza discutere, sapevano benissimo di chi fosse la punizione o la rimessa laterale. Veramente tanta maturità in una così giovane età … A fine gara, medaglia ricordo per tutti i bambini e una dolce merenda a bordo campo. Da segnalare la simpatica presenza di Aldo (Chitarra) che ha animato lo svolgimento dell’evento. Ad Aldo va il nostro grazie più sincero. Ore 19,00: inizia la sfida!! Va premesso che tra le Vecchie Glorie, sicuramente più avanti negli anni, sono stati schierati validi rinforzi. Si è cercato, infatti, di creare due squadre competitive per lo spettacolo ed il buon esito della gara con diversi giocatori che si sono alternati sull’interminabile e perfetto rettangolo di gioco di Scoppito. Le Vecchie Glorie hanno schierato tra i pali Giancarlo detto “Lo Zio” (vecchio portiere della Polisportiva Ruella) sostituito, nel finale, dal mitico Ugo Selli. La difesa, con un classico assetto arcigno, è stata gestita da Mario Foggio, Mannaggia quiju porco, Cranio, Liseo, Zippò e Totò di Lucoli. A centrocampo, oltre a Bistefano, Sor Patacca e Miocchi, sono scesi in campo Arnaldo della Foce, Signò (Giovanni Pelliccione) e Angelo Corsi. In attacco, si sono alternati Chiodino, Nik, Casaroli e Moscò. Le Vecchie Seghe (a dir poco molto numerose!) si sono concesse il lusso di schierare Saponetta a terzino lasciando la porta a Mimmo. Oltre a Saponetta, il settore difensivo è stato amministrato da Fausto Chiarizia, Rufo, Dottò, Marino de San Nicola, Peppe delle Piai, Sergio e Caiò. A centrocampo Menestra, Rinaldo, Bonolis, Cinghiale Valerio, Luca, Compare Domenico, Renato Bucci, Adolfo Scimia e Alessandro Conversi. Per colpire a suon di goal, le Vecchie Seghe si sono affidate a Fenocchio, Spillo, Andrea il Cadaverone e Lucio. Fischietto della partita è stato un contestato (scusate il bisticcio di parole!) Petatello, reo di non aver valutato al meglio alcune azioni. Ma veniamo ai numeri della partita. Le Vecchie Glorie partono bene grazie, soprattutto, ad un solido assetto di centrocampo. Le Seghe soffrono e sono costrette a capitolare quando uno scambio Signò-Angelo Corsi mette quest’ultimo solo davanti a Mimmo che non può far altro che raccogliere la palla in rete. Passano pochi minuti e Bistefano, dopo aver rubato la palla a centrocampo, s’invola veloce, solo, verso la porta; corre per più di 50 metri, salta anche il portiere e deposita la palla in rete. Siamo sul 2 a 0. Le Seghe reagiscono. Qualche cambio azzeccato, una disattenzione difensiva delle Glorie e Luca accorcia le distanze (2 a 1). Sono momenti in cui le Glorie soffrono; rabbiosi gli attacchi sferrati dalle Seghe (con un Cadaverone non al meglio) ma senza esiti. Ci pensa il Cinghiale a pareggiare i conti quando, imbeccato sulla destra, in area, scarica un secco diagonale che non lascia scampo a Lo Zio. E’ il pareggio! Le Glorie si riorganizzano; entrano forze fresche e riparte la disputa. Una bella azione manovrata da Signò e Angelo Corsi, favorisce l’ingresso in area di Chiodino. Il neo-sposo mantiene la calma e calcia di piatto quasi fosse un rigore. La rete si gonfia nuovamente … 3 a 2. Petatello fischia la temporanea fine delle ostilità. Acqua per tutti e di nuovo il suono del fischietto. Inizia il 2° tempo … Le Glorie sono più che mai decise a far loro il risultato. Ce la mettono tutta, in ogni parte del campo. Arriva il 4 a 2 con un preciso tiro di Signò. A Seguire il 5° goal siglato da Angelo Corsi ed il 6° goal firmato da Casaroli. Non c’è più storia per le Seghe … 6 a 2 non lascia spazio ad interpretazioni diverse che non siano “vittoria” per le Glorie e “sconfitta” per le Seghe. Ma non finisce qui questa meravigliosa partita! Ancora emozioni, spunti, azioni, capovolgimenti di fronti. Nel finale le Vecchie Seghe, quando i giochi sembrano fatti, hanno un’impennata d’orgoglio. A testa bassa attaccano le Vecchie Glorie; lo fanno con ordine senza sprecare palloni utili. Nel giro di pochi minuti vanno a segno 2 volte: la prima con Luca (tiro imparabile nell’angolo destro alto della porta difesa, nel finale, da Ugo), la seconda con Conversi (tiro dal limite dell’area). Le Glorie si ricompattano, stringono i denti ma continuano a giocare a tutto campo. Respingono gli ultimi attacchi delle Seghe fino a quando Petatello diffonde nell’aria di questa indimenticabile giornata il triplice fischio finale. 6 a 4 … le Glorie meritatamente esultano!! Il tempo di una salutare e doccia e tutti a cena presso l’Agriturismo Ruella. In tutto 45 coperti, a dimostrazione della grande partecipazione all’evento. Come sempre una buona cena che ha unito tutti i giocatori in un clima felice e carico di bei ricordi. Tra una portata e l’altra, i classici premi previsti per la gara. La coppa per il giocatore più anziano è andata a Ugo Selli. Il premio per il miglior giocatore è andato a Chiodino (in nomination anche Nik e Casaroli). La coppa per la più sega è andata al Cadaverone, dopo diverse votazioni (in nomination anche Rufo e Spillo). Un diploma speciale è stato assegnato a Liseo in quanto Vecchia Gloria più votata dal sondaggio sul sito www.partitadelcuoreodeipolmoni.com (oltre 320 voti). Che dire se non che è stata una meravigliosa giornata. Ottimo il tempo, ottimo l’impianto ospitante l’evento, ottima la partecipazione (sia dei bambini che degli adulti). Ancora una volta lo spirito di ritrovarsi su un terreno di gioco, la voglia di ricordare, a distanza di anni, tante partite disputate in ogni campo della provincia, hanno fatto rivivere a tutti i partecipanti emozioni uniche e incancellabili. Siamo convinti che chi partecipa con il cuore a queste belle iniziative, potrà vivere con gioia la giornata dell’evento ed aspettare, con il sorriso, il nuovo tempo che arriva. Una piccola carica di ottimismo. Vorremmo ricordare l’assenza, in campo, dell’amico Francesco (Boskov). Francesco ha perso in questi giorni la madre; ci sentiamo tutti vicini a lui in questo momento particolare. Da ultimo, ci preme ringraziare gli sponsor (presenti sul sito); è grazie a loro se, annualmente, si riescono a sostenere tutte le spese necessarie per l’evento. Un grazie di cuore a tutti i partecipanti ed ai genitori che hanno accompagnato i bambini. Un ultimo ringraziamento va agli organizzatori (Bistefano, Cinghiale, Caiò, Cadaverone, Sergio, etc.); difficilmente, senza il loro impegno, ci sarebbe la “partita del cuore o dei polmoni”. Un saluto e … alla prossima edizione!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *