Edizione 2016

Foto

“Con gli anni si misura la distanza”. Siamo partiti 13 anni fa; “Ci imbarcammo in un tempo dimenticato perfino dai sogni” …

e invece il sogno continua. Eccoci qua amici, a raccontare una nuova e bella edizione della “Partita del Cuore o dei Polmoni”. Quest’anno abbiamo sperimentato l’innovativa formula della cena a bordo campo. A mente fredda, non possiamo che trarre un responso pienamente positivo … grande partecipazione su tutti i fronti! Già da qualche giorno lo Staff stava lavorando per la preparazione dell’evento. I nostri deliziosi sponsor, nel confermare il loro sostegno economico, ci hanno permesso di affrontare ogni impegno. Qualcuno, come Angelo Carnicelli, è andato oltre garantendoci anche la disponibilità del camioncino per i vari trasporti tecnici. Insomma, tutto ha funzionato. Intorno alle 15 i bambini iniziavano l’invasione del campo di calcetto. Il tempo di raccogliere le adesioni e subito sono state giocate le tre gare previste per le diverse fasce di età. A bordo campo Lui, la “Voce”, Aldo detto Chitarra, aiutato dal maestro Vasco, ha animato in modo impeccabile, come da tradizione, il nostro evento. Terminate le gare delle future Glorie, eseguite le premiazioni, abbiamo assegnato la targa della partita (destinata a un personaggio che ha voluto bene al calcio tornimpartese). Abbiamo ricordato Elvea, madre del buon Santino, indimenticabile tifosa e non solo … per anni, ci ha preparato i tè caldi per la pausa curandoci il “look” con divise sempre in ordine e profumate. E poi? Non poteva certo mancare il Nutella-Party preparato dalle nostre gentili Signore. Arriviamo alla gara. Il solito simpatico mercato dei giocatori ha animato il pre-partita. Poi è stata gara; gara vera ed equilibrata fino alla fine. Ancora le Vecchie Glorie … si impongono con un sudato 4 a 3. La sequenza delle reti: Rossi, Rossi (si va sul 2 0 per le Glorie), Andrea Cadaverone, Bonny (con deviazione della barriera) su calcio di punizione (le Seghe pareggiano), Bistefani (le Glorie tornano in vantaggio), Menestra (pareggia i conti), Marco Proia (per il 4 a 3 finale). In verità, le Vecchie Seghe sbagliano un rigore generato da un’inaspettata ingenuità di “Mannaggia quiju porco”: blocca, con le mani, un pallone in area pensando provenisse da un avversario fuori campo. Il destino, evidentemente, ha tenuto conto dell’immeritato regalo. Sarà Pino Vitale a parare su Rinaldo (l’arbitro Petata fa ripetere il primo tiro in quanto “scoccato” prima del fischio). Si va a cena, ben consci del fatto che si vuole concludere nel migliore dei modi una meravigliosa giornata di sport e ricordi. Caiò propone un’amatriciana fantastica. Poi è la volta dell’arrosto: Ju Compare Domenico e Moscò (coadiuvati dal buon Petatello) curano l’organizzazione della mega griglia gentilmente prestata dal clan Marinelli (che ringraziamo). I ragazzi dell’A.S. Tornimparte, invece, insieme al buon Cipolla, hanno gestito il comparto “arrosticini”, per la gioia dei più giovani (e meno giovani). Di lato, il buon Vittorio Dottò spillava birra alla spina freschissima per le gole arsurate dei partecipanti. E poi vino, bibite varie, etc. etc. Per non parlare dei fagioli con la cipolla preparati dal Cinghiale Valerio. E per finire? Dolci proposti dalla nostre Signore e il famoso Cocomero alla Cipolla, preparato da Rodolfo detto “Cipolla”. Insomma … tutto ha funzionato alla perfezione. La serata è stata allietata dalla musica e dall’animazione della “Voce” (Aldo Chitarra) e del maestro Vasco. Assegnati i trofei di rito: squadra vincitrice (Glorie), miglior giocatore (il portiere Pino, per aver parato il rigore), la più sega (Mannaggia quiju porco, ma solo per l’ingenuità sul rigore regalato) ed altri. I premi speciali? Il giocatore più “Sciurratu (indovinate chi?); il giocatore più “Attore” (superfluo dire il vincitore) e il “microfono d’oro” al buon Aldo-Chitarra. Un grazie infinito a tutti i partecipanti: ai bambini, ai genitori, agli sponsor, all’animazione, a Jesus e all’Amiternina per la disponibilità della struttura, allo Staff per la fatica e l’impegno, allo Sci Club Castiglione per le preziose pentole, agli amici di Civitatomassa (per i tavoli e le panche), alle nostre Signore per i dolci e l’aiuto sui vari fronti, ai ragazzi dell’A.S. Tornimparte per l’impareggiabile lavoro in cucina, a tutti i giocatori per la smisurata voglia di ritrovarsi ogni anno per onorare un evento che ha il sapore dell’aggregazione e della gioia. Se la “Partita del Cuore o dei Polmoni” continua ad esistere e a crescere, il merito è di tutte queste forze, unite verso la medesima direzione. Al termine della serata, i pochi intimi rimasti a sistemare il luogo dell’evento, nel voler evitare che una felice giornata finisse troppo presto, decidevano di proporre uno spaghetto finale (erano le 2 del mattino). In verità, nella giornata di sabato ci siamo nuovamente ritrovati per pulire ogni cosa e restituire il materiale utilizzato durante l’evento. Lo Staff, il Comitato e tutti coloro che hanno collaborato, non possono che rallegrarsi dell’ennesima splendida giornata trascorsa insieme. Il risultato ci onora e rallegra e ci spinge a inseguire, migliorando, nuove e sperate edizioni della partita. Vi lasciamo alle foto dando a tutti l’appuntamento al prossimo anno (speriamo in quel di Tornimparte) …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *